Detenuto 35enne si suicida nel carcere di Trento durante la notte: era stato arrestato marted́ scorso per incendio doloso
Home > EVENTI CRITICI

 

EVENTI CRITICI

Detenuto 35enne si suicida nel carcere di Trento durante la notte: era stato arrestato marted́ scorso per incendio doloso  

17/12/2016 


Si è suicidato in carcere Luca Soricelli, il 35enne della Vallagarina, arrestato martedì scorso con l’accusa di aver dato fuoco al distributore di benzina Eni Agip di via Cavour a Rovereto, distrutto dal rogo attorno alle 2.30 di notte.

Soricelli si è suicidato nel cuore della notte mentre il suo compagno di cella, un giovane italiano, dormiva. Tutto è accaduto rapidamente, secondo quanto si è appreso, senza che né l’altro detenuto né il sorvegliante di turno, che ha molte celle da tenere soto controllo, si rendessero conto di nulla.

«È stato fatto di tutto per soccorrere il detenuto - spiega il comandante della polizia penitenziaria del carcere di Trento, Daniele Cutugno - in attesa dell’arrivo dei sanitari del 118 il nostro personale ha praticato la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco. Purtroppo non è bastato per salvargli la vita».

La procura di Trento, come di prassi in questi casi, ha aperto un fascicolo, è stata disposta l’ispezione cadaverica esterna che non ha rilevato segni che possano far pensare a dinamiche diverse dal suicidio escludendo il coinvolgimento di terzi.

L’impressione è che si tratti di una tragedia che affonda le sue radici nella psiche del detenuto, non nuovo a problemi di natura mentale.

Si tratta del quarto suicidio avvenuto nel carcere di Spini dall’apertura, sei anni fa.

ladige.it